Home Sport C’è anche una app per telefonini per promuovere gli eventi della Comunità Europea dello Sport che interessano il Tigullio e il Golfo Paradiso per il 2023

C’è anche una app per telefonini per promuovere gli eventi della Comunità Europea dello Sport che interessano il Tigullio e il Golfo Paradiso per il 2023

da Alberto Bruzzone

di DANILO SANGUINETI

Non è che una volta ottenuto il premio i combattivi promotori del comitato ‘Distretto Sportivo Europeo per l’anno 2023’ si sono seduti sugli allori? Neppure per sogno. Il gruppo dei 36 comuni che ha combattuto e vinto la battaglia affinché la zona di Golfo Tigullio-Golfo Paradiso avesse il riconoscimento UE si è immediatamente attivato affinché l’intera annata sia una sequenza ininterrotta di spot per la zona, per i suoi comuni e per le sue molteplici realtà sportive.

Ogni mese verrà presentata un’iniziativa e almeno un testimonial si farà carico di ricordare al pubblico che cosa sta accadendo. Una girandola di iniziative che è partita in questo gennaio 2023 con una riunione ‘quasi’ plenaria dei protagonisti.

Giovedì 12 gennaio presso l’Auditorium Campodonico a Lavagna un incontro tra i rappresentanti dei comuni del Tigullio e Golfo Paradiso proclamati ‘Comunità Europea dello Sport’ per l’anno 2023 a Bruxelles lo scorso dicembre.

Il meeting è servito per programmare le iniziative e gli eventi dei prossimi mesi. Intanto si parte da una applicazione che sarà possibile usare su computer e cellulari, e su ogni altro device in grado di andare online. ‘App Community of Sport’ e ‘Community Sport Festival – prima edizione 2023’ i progetti presentati.

Anche se il gruppo prevede che i membri agiscano, diano e ottengano in parti equanimi è innegabile che Lavagna, che ha lanciato la proposta e tirato le fila, meriti il ruolo di portavoce. Il sindaco Gian Alberto Mangiante non si tira indietro: “Non mi stanco di sottolineare che si tratta di un premio importante. Ci siamo visti pochi giorni fa con tutti i sindaci per portare avanti i progetti che vadano oltre il 2023. La sinergia tra amministratori locali va mantenuta e se possibile rafforzata. Intanto abbiamo gettato le basi per la creazione di una ‘App’ che faciliti l’approccio allo sport nel nostro territorio in modo che tutti sappiano dove e come poter praticare lo sport che si preferisce”.

Il sindaco di Lavagna come è nel suo carattere va subito sul concreto: “Il marchio di Comunità dello Sport 2023 ci consentirà di espandere le conoscenze. Per esempio abbiamo pubblicizzato un recente evento al Parco Tigullio tramite la piattaforma europea e abbiamo avuto delle risposte da paesi di mezza Europa, dalla Spagna alla Svezia. Tutti i comuni potranno fare lo stesso con i loro eventi: il dossier interattivo (contenente le indicazioni del proprio territorio con le sue specificità e gli sport che vi si possono praticare) lo permette”.

Verranno puntati i riflettori sulle discipline che da queste parti più sono praticate e che sono più ‘consone’ alla storia e all’orografia dei territori. Dalla vela al canottaggio, dalla pallanuoto al trekking ci sono tra Sori e Sestri diversi santuari che aspettano solo di essere utilizzati adeguatamente. Il territorio del Tigullio e del Golfo Paradiso ha una ambivalenza positiva sotto questo punto di vista: “Perché non attira solo professionisti ma anche famiglie, giovani e anziani che svolgono attività amatoriali”.

Anche per questo si è guadagnato il titolo di Comunità Europea dello Sport. E sempre per questi motivi la App ‘Community of Sport’ potrebbe raggiungere un vasto pubblico: consentirà infatti di raggruppare tutte le notizie e potenzialità sportive e turistiche dei due golfi e delle valli adiacenti. Dal punto di vista operativo l’applicazione è gestita da Yarol che ha studiato la grafica e le funzionalità dell’app: sfumature blu per gli sport acquatici e nuance verdi per le attività outdoor fuori dall’acqua. Nel progetto saranno inclusi anche testimonial d’eccezione che promuoveranno gli sport. Per esempio, la Pro Recco interverrà per la promozione della pallanuoto.

L’applicazione consentirà anche di prenotare le lezioni o consultare le mappe dei percorsi scelti. Sarà ovviamente multilingue. La realizzazione e gestione dell’applicazione prevede un investimento di 17500 euro e 500 euro di spese per ciascun comune coinvolto ogni anno, per un triennio. E poi ci sarà la prima edizione del Community Sport Festival. Nella riunione del 12 gennaio si è concordato che le manifestazioni e gli eventi organizzati dai comuni sarebbero confluite nella kermesse europea. Hanno dato il loro assenso i rappresentanti del comprensorio, entroterra compreso: oltre a Lavagna, Sestri Levante, Cogorno, Carasco, Leivi, Cicagna, Moconesi, Lumarzo, Rezzoaglio, Santo Stefano d’Aveto, Rapallo, Santa Margherita, Portofino, Camogli, Recco e Sori. Gli assenti si aggregheranno quanto prima, nessuno vuole perdere una simile gratuita occasione di farsi conoscere in giro per il Vecchio Continente.

Ti potrebbe interessare anche