Home Eventi Le serie tv, il loro successo, la loro capacità di tenerci incollati allo schermo: se ne parla in Società Economica con Nicola Peirano

Le serie tv, il loro successo, la loro capacità di tenerci incollati allo schermo: se ne parla in Società Economica con Nicola Peirano

da Alberto Bruzzone

(r.p.l.) Ci fanno ridere, piangere, innamorare e soffrire. Sono parte integrante delle nostre giornate. Influenzano i nostri gusti, rilanciano canzoni del passato e ci tengono incollati allo schermo. Di cosa stiamo parlando? Ovviamente delle serie tv.

C’era una volta una serialità televisiva monotematica, piatta, autoconclusiva. La serie tv, in origine, era vincolata dalle catene dei palinsesti con parametri registici standard e fortemente orientata a un pubblico generalista. La programmazione molto rigida, divisa in fasce con orari standard, costringeva a mantenere un ritmo ripetitivo. Venivano riproposti in loop i medesimi schemi narrativi. La commistione di genere e linguaggi era vista allora con disprezzo e poco adatta a un pubblico immaginato come una massa uniforme e indistinta.

Negli ultimi decenni però molto è cambiato e la serie tv ha vissuto un vero e proprio rinascimento dopo il periodo buio della massificazione del prodotto televisivo. Il moltiplicarsi dei canali e delle forme di fruizione (Netflix docet), hanno permesso di abbandonare la rigidità del passato e donato un’incredibile varietà di linguaggi e stili fino a quel momento ad appannaggio esclusivo di cinema e letteratura.

Questa nuova fase creativa ha innalzato questo format a uno status più elevato, permettendogli nel tempo di formare un linguaggio e un’anima propria, differente ma non qualitativamente inferiore a quello cinematografico.

Ma cosa c’è dietro, o meglio, chi c’è dietro le storie raccontate? Il primo a dare vita sulla carta alla serie è lo sceneggiatore. Un compito non facile perché non solo deve inventare (o adattare) una storia, ma deve concepirla secondo le possibilità e le modalità del mezzo espressivo, tutto il suo lavoro è condizionato dal linguaggio proprio delle serie tv.

Per scoprire i segreti di questa professione l’appuntamento è per venerdì 4 novembre alle ore 18 presso la Sala Ghio Schiffini della Società Economica di Chiavari. L’ospite dell’appuntamento, Nicola Peirano, giovane insegnante di italiano che si occupa anche di sceneggiatura cinematografica e, in particolare, di sceneggiatura televisiva, spiegherà come nascono le serie tv e come, da paese a paese, si sono sviluppate e diffuse, passando per l’analisi in termine di interesse che le hanno portate a superare il cinema, sino ad arrivare alle tecniche di scrittura.

“Questa vuole essere una sorta di ‘puntata zero’ di un approfondimento sul fenomeno delle serie tv, e si rivolge a chiunque abbia qualche interesse per questa forma artistica ormai divenuta letteratura dominante del nostro secolo. Successivamente in base alle adesioni prenderà vita un vero e proprio corso gratuito di formazione per capire e studiare al meglio il tema delle serie tv, e magari chissà, anche provare a scriverne una”. L’ingresso all’appuntamento di venerdì è libero. A intervistare Nicola Peirano sarà il giornalista Fabrizio De Longis.

Ti potrebbe interessare anche