Home Approfondimento Cento ospiti, quattro giornate, decine di appuntamenti: la ricchissima ottava edizione del Festival della Comunicazione di Camogli

Cento ospiti, quattro giornate, decine di appuntamenti: la ricchissima ottava edizione del Festival della Comunicazione di Camogli

da Alberto Bruzzone

(r.p.l.) Ottava edizione per il sempre più prestigioso Festival della Comunicazione di Camogli. Il programma è stato presentato nei giorni scorsi: comprenderà oltre cento ospiti in quattro giorni e sarà interamente dal vivo e in presenza, pur nel pieno rispetto di tutte le normative anti Covid-19.

Appuntamento da giovedì 9 a domenica 12 settembre, per una grande manifestazione che offre al suo pubblico proposte sempre più ricche ed entusiasmanti e si riconferma come uno degli appuntamenti più attesi del panorama culturale italiano.

Ideato con Umberto Eco, diretto da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer, organizzato da Frame in collaborazione con il Comune di Camogli e la Regione Liguria e in partnership con Commissione Europea,Rai e Università di Genova, il Festival ha quest’anno come fil rouge il tema Conoscenza, intesa come quell’irresistibile aspirazione umana che ci spinge oltre il nostro comune sentire, a superare orizzonti e a disegnare prospettive nuove, con la propensione che abbiamo, innata, a dare senso alle cose e agli eventi che ci circondano. Conoscere significa raggiungere una comprensione profonda, ricomporre la frammentarietà delle informazioni e dei dati grezzi e parziali, in un tutto organico che dia significato e sostanza a quello che siamo e alle nostre civiltà.

Il Festival sarà un’entusiasmante occasione per vivere la Conoscenza come esplorazione, scoperta, e indagine. Un modo per scavare nelle realtà altre attraverso la fisicità e la complessità dei sensi: conoscere è anche conoscersi attraverso lo sguardo dell’altro, come antidoto contro ogni presunzione, reticenza, timidezza, discriminazione o pregiudizio.

Intorno a questo tema oltre un centinaio di ospiti – protagonisti del mondo scientifico, culturale, tecnologico, artistico, economico, imprenditoriale, dello spettacolo e dell’intrattenimento – svilupperanno un dialogo appassionante e vivace, attraversando i generi e i toni più svariati. Dai talk agli sketch dissacranti, dal commento ironico della rassegna stampa del mattino alle coinvolgenti lectio dei grandi nomi della cultura, dalle colazioni con gli autori fino agli incontri degli aperitivi, i quattro giorni di Festival creeranno una vibrante atmosfera di voci, colori, pensieri e punti di vista, capaci di coinvolgere tutti tra dibattiti e intrattenimento, spettacoli e amatissimi monologhi.

Diceva Umberto Eco a proposito della Conoscenza: “Bisogna mettersi alla prova, intervenire nel dibattito locale, ascoltare le opinioni, cambiare pian piano il proprio modo di vedere, pensare e scrivere, guardandosi dalle forme di pseudo-partecipazione del web che idolatrano l’ideale della assoluta presa di parola. Bisogna recuperare il modello del dialogo socratico, del confronto aperto, del continuo esercizio dialettico di critica e di autocritica”.

E proprio sulla scia del pensiero sempre attuale del suo padrino, il Festival 2021 si aprirà con la lectio di Massimo Cacciari, incentrata in particolare su un binomio senza tempo: Coscienza e Conoscenza. Mentre chiuderà il Festival la leçon concert di Nicola Piovani che condividerà con il pubblico esperienze, ricordi ed emozioni di oltre quarant’anni di carriera.

Un grande evento coinvolgerà il duo travolgente formato da Alessandro Barbero e Vinicio Capossela.

E a Vinicio Capossela verrà dato quest’anno il Premio Comunicazione, per la sua capacità di esprimere l’umanità verace, chiassosa e colorata, con la sua arte da menestrello onnivoro e globale all’incessante ricerca di suoni, storie, culture e personaggi di ogni epoca e di ogni angolo del mondo (dalla dolce malinconia latinoamericana alla polvere dei Balcani e alle feste di paese) e per la sua capacità di osare contaminazioni creative e di raccogliere l’essenza, l’odore e il fascino delle molteplici civiltà in un repertorio letterario e musicale straripante e universale.

Attesissimo e originale lo spettacolo di Valerio Lundini, che porterà sul palco ‘Il mansplaining spiegato a mia figlia’, evocativo fin dal titolo della sua capacità senza eguali di destrutturare il linguaggio della comicità.

Molti i nomi nuovi, che per la prima volta saranno ospiti a Camogli, fra cui Antonella Viola, Sabina Guzzanti, Daria Bignardi, Andrea Delogu, Nicola Lagioia, Selvaggia Lucarelli, Fiorenza Sarzanini, Max Casacci e Guia Soncini.

Tra gli ospiti e amici del Festival più attesi, con i loro talk di approfondimento, sono confermati anche in questa edizione moltissimi nomi tra cui Aldo Grasso, Mario Calabresi, Piero Angela, Federico Rampini, Piergiorgio Odifreddi, Stefania Auci, Luca Bizzarri, Paolo Crepet, Guido Catalano, Vincenzo Roppo, Roberto Cotroneo, Federico Taddia, Gherardo Colombo, Severino Salvemini e Cinzia Leone.

Grande spazio a Dante, per celebrare il poeta in occasione del settecentesimo anniversario della sua morte: da Aldo Cazzullo, che presenterà il suo ultimo libro sul Purgatorio, all’accoppiata formata da Claver Gold e Murubutu, che faranno divertire e appassionare il pubblico con conversazioni dantesche e un Dante a tempo di rap.

Anche quest’anno ci si potrà immergere nel fenomeno dell’audio-entertainment, con le sue novità, le sue star e i suoi generi, capaci di entusiasmare un pubblico sempre più ampio e vivace. Il mondo dell’audio approda a Camogli con grandi personalità. In più, con appuntamenti dedicati, presenteranno le nuove serie podcast Lorenzo Baglioni, Federico Fubini, Stefano Massini, Mario Tozzi e Guido Barbujani.

Tra i punti forti del Festival si confermano gli appuntamenti con le rassegne stampa del mattino, condotte da Annalisa Bruchi, le colazioni con l’autore, gli aperitivi del Festival, le mostre – come quella realizzata appositamente in occasione del Festival ‘Comunicare disegnando’, di e con Milo Manara – i laboratori, le escursioni e una fitta serie di spettacoli e performance musicali.

‘Donne prigioniere di amori straordinari’ è il titolo di una perfomance di lettura e musica portata in scena da Monica Guerritore, che partendo dal terribile femminicidio nel 1911 della zia di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Giulia Trigona, ricostruirà emozioni e sentimenti dell’ultimo frammento di vita della vittima.

Il repertorio dei canti briganti sarà protagonista della serata con Mario Incudine ed Eugenio Bennato, che includerà un omaggio a Franco Battiato. Il romanzo visionario ‘Il lupo e la luna’ prenderà vita sul palco con il suo autore Pietrangelo Buttafuoco, l’introibo di Giuseppe Dipasquale e le atmosfere favoleggianti ricreate dallo scenografo digitale Francesco Lopergolo, mentre con la performance itinerante ed esperienziale ‘Alberi Maestri sul Monte di Portofino’ si andrà alla scoperta, insieme al pubblico guidato da Michele Losi, del mondo degli alberi e delle piante. Nel mare e nei suoi misteri, con un monologo che scandaglia con ironia le leggerezze e le profondità della vita, ci si addentrerà con Fabio Genovesi e ‘Il calamaro gigante’. E non finisce qui: ci saranno Luca Bottura con il suo spettacolo ‘Manifesto del partito impopolare’, e Marco Travaglio che quest’anno porterà in scena un approfondimento dal titolo ‘Il Conticidio’.

Alle 8,45 del mattino di sabato 11 settembre, in occasione della ventesima ricorrenza dell’attentato terroristico alle Torri Gemelle, ci sarà un evento particolare che racconterà dal punto di vista emozionale ciò che è accaduto nel 2001, per continuare a non dimenticare.

Per il mondo dell’imprenditoria, saranno presenti a Camogli Marco Alverà (amministratore delegato Snam), Antonio Baravalle (amministratore delegato di Lavazza) e Gabriele Galateri di Genola (presidente di Assicurazioni Generali), in un attesissimo talk con la moderazione di Ferruccio de Bortoli.

E ancora Francesco Profumo (presidente della Compagnia di San Paolo), Andrea Duilio (direttore Business Unit Consumer Vodafone), Edoardo Fantino (direttore generale Banca Passadore e presidente sezione Finanza e Assicurazioni Confindustria Genova), Giovanni D’Alessandro (direttore generale Basko, gruppo Sogegross), Cecilia Ferranti (Responsabile Comunicazione Enel), Maurizio Decollanz (chief communication officer IBM Italia), Donato Ferri (consulting leader Ernst & Young), Furio Garbagnati (CEO di Weber Shandwick) e Roberto Olivi (direttore relazioni istituzionali e comunicazione di BMW Italia), così come Evelina Christillin (presidente del Museo Egizio di Torino), Carlo Cottarelli (economista) e Oscar Farinetti (fondatore di Eataly) discuteranno di quanto la conoscenza – tanto in senso tecnico quanto scientifico e umanistico – sia determinante nel mondo dell’imprenditoria e del lavoro, nei processi produttivi, nelle azioni politiche, nelle economie e nei complessi rapporti internazionali, e sia anche ciò che alimenta la profonda trasformazione sociale e tecnologica che stiamo vivendo. Per il mondo della scuola e della formazione, ci saranno Lorenzo Benussi (chief innovation officer Fondazione per la Scuola-Compagnia di San Paolo) e Laura Fumagalli (presidente di MyEdu).

Spiega il direttore del Festival della Comunicazione, Danco Singer: “Conoscenza, il tema scelto quest’anno come fil rouge del festival, significa curiosità, viaggio, approfondimento, inchiesta: tutti elementi che hanno caratterizzato la nostra rassegna fin dall’edizione inaugurale, ma anche aspetti irrinunciabili per capire e scoprire il mondo che ci circonda, a cominciare dall’ecosistema del media e della comunicazione, da cui per propria vocazione il festival prende le mosse. Un tema che riguarda anche le competenze, le professioni e la società del futuro, e che i protagonisti del mondo culturale, economico e imprenditoriale al festival ci aiuteranno a esplorare”.

Tutte le iniziative sono gratuite e aperte al pubblico, fino a esaurimento posti.

Ti potrebbe interessare anche