Home Attualità Presentazioni, progetti sui social network, audiolibri: la ‘lettrice seriale’ Lucia Caponetto continua a riscuotere consensi

Presentazioni, progetti sui social network, audiolibri: la ‘lettrice seriale’ Lucia Caponetto continua a riscuotere consensi

da Alberto Bruzzone

di ALBERTO BRUZZONE

Quanti modi ci sono per essere lettori? Tantissimi. Si può essere lettori incalliti, lettori appassionati, inguaribili lettori, lettori attenti, lettori selettivi, lettori critici, lettori ultracritici, lettori occasionali. Eccetera, eccetera, eccetera.

Poi, c’è una lettrice seriale che, nel panorama genovese e non solo, sta prendendo sempre più campo e si sta facendo apprezzare sempre di più. Lei si chiama Lucia Caponetto ed è ormai una presenza fissa e consolidata agli eventi di ‘Piazza Levante’, dove legge brani delle varie autrici e dei vari autori nostri ospiti, sempre con ispirazione, con professionalità, con impegno, senza mai imporsi sulla scrittura, senza mai prevaricare il senso del testo, riuscendo sempre a restare quel giusto e necessario passo indietro, o passo di lato, a seconda delle occasioni.

Ma Lucia è anche e molto di più, perché questa sua passione, ovvero leggere i libri in pubblico – che le è nata ai tempi in cui ha fatto i suoi studi da attrice – si sta allargando a macchia d’olio, sta coinvolgendo autori ed editori, si dipana attraverso interessanti progetti sui social network, sia Facebook che Instagram, arriva alle librerie di catena e alle librerie indipendenti, con il risultato che tutto questo produce un fantastico mix, di appoggio e di promozione alla lettura, e anche ai lettori di cui sopra.

C’è sempre più bisogno di divulgatori culturali, e Lucia Caponetto fa la sua ottima parte. Formatasi presso La Pinguicola sulle Vigne, la scuola di recitazione di Graziella Martinoli, ha esordito in teatro, riscuotendo parecchio successo, ma ha sempre coltivato una particolare predilezione per la lettura. Ed è stata questa che l’ha spinta a solcare un nuovo percorso, nel suo lavoro di attrice: ha iniziato alle presentazioni degli autori, ha aperto un suo canale di YouTube, ha ampliato con gli altri social (soprattutto Facebook e Instagram) e, poi, si è cimentata negli audiolibri, anche grazie allo splendido rapporto che ha con una scrittrice affermata come Sara Rattaro (ma è in amicizia pure con Valeria Corciolani e Bruno Morchio, oltre che con altri autori liguri di livello nazionale).

“Anzitutto – osserva Lucia Caponetto – sono molto contenta per il fatto che sono ripartiti gli eventi in presenza. Il 25 giugno, domani, sarò alle ore 18 alla Feltrinelli di Genova, in via Ceccardi, per leggere alcuni brani dal libro ‘Gioca con tuo padre’ della brava scrittrice pegliese Federica Amadori. Quindi, il 26 giugno, eccomi a Rapallo insieme a Fabio Fiori, presso il Miramare, per il romanzo ‘Il problema è che ti penso’ scritto da Paola Servente. E, il 2 luglio, ancora alla Feltrinelli di Genova per il nuovissimo ‘Con l’arte e con l’inganno’ di Valeria Corciolani, con la presentazione di Bruno Morchio”.

Lucia Caponetto (a sinistra) legge uno dei gialli di Valeria Corciolani. Al centro, il cane York

Questo per quanto riguarda le letture dal vivo, ma poi c’è tutta un’intensa attività di letture online e sulle principali piattaforme. Perché Lucia Caponetto è la classica ‘ciliegina sulla torta’ dei romanzi riusciti bene, il valore aggiunto, e non è un caso che parecchi scrittori siano entrati in contatto con lei, proprio per ‘farsi leggere’ pubblicamente.

Lucia, che viaggia tra la Liguria e la Sardegna con la sua prima occupazione (si occupa di nutrizione e di diete), racconta con piacere com’è iniziato tutto: “La passione per la recitazione ce l’ho sempre avuta. Ho iniziato frequentando la scuola di Graziella Martinoli, che rappresenta un’eccellenza e che è veramente formativa, anche per chi vuole diventare attore di professione. Dal 2006 in poi, abbiamo portato in scena molti lavori, tra cui ricordo con emozione uno splendido ‘Edipo Re’. Il discorso della lettura è nato invece dopo. Un giorno ero in treno per Milano, e ho comprato il libro ‘Non volare via’ di Sara Rattaro. Nel viaggio di andata e in quello di ritorno, lo avevo già letto tutto. Mi ero commossa sino alle lacrime. Così ho contattato Sara via Facebook, lei mi ha risposto e siamo diventate prima amiche di penna, e poi ci siamo conosciute di persona”.

Il contatto con Sara Rattaro è stato decisivo, anche perché Lucia ha investito ulteriormente sulle motivazioni che già aveva, e che erano forti di suo. “Ultimamente – prosegue – ho lanciato il format su Facebook ‘Romanzi in diretta’, che è giunto all’undicesima puntata. Leggerò ‘Devo ricordarmi di dimenticarti’ di Cristina Prevosti: in questo progetto, fornisco una recensione soggettiva del libro in questione, scelgo i passi che ho apprezzato di più e li interpreto, il tutto per circa un’ora di durata”.

Sempre su Facebook, ecco ‘Altalena di letture’, dove Lucia si ‘confronta’ con un ragazzo di dodici anni: “Si chiama Lorenzo, ma sui social si fa chiamare Null. Ho apprezzato il suo modo di leggere, ho contattato la sua mamma e le ho chiesto se potevamo portare avanti un progetto insieme. Lei è stata molto entusiasta, il ragazzo pure, e così abbiamo costruito questo format di letture ‘a ping pong’, che sta riscuotendo molto successo. Su Instagram, poi, ci sono le ‘Autoletture’, ovvero le letture che faccio a bordo della mia auto. E, ancora, ecco ‘Books Angels’, iniziativa che realizzo insieme alla book blogger Mariangela Cofone: un format dove si recensiscono libri e si fanno letture interpretate dalle varie pagine. A breve, poi, partirà, in collaborazione con l’editore Morellini, un progetto legato alla loro collana ‘Femminile singolare’, che è diretta da Sara Rattaro”.

Ed è ancora Sara Rattaro a fornire ‘materia’ per i primi tre audiolibri di Lucia Caponetto: è partita con ‘La giusta distanza’ per la piattaforma Audible, è andata avanti con ‘Sulla sedia sbagliata’ per la piattaforma Storytel, e ancora con l’ultimo ‘Una felicità semplice’, sempre per la piattaforma Audible.

Finito? “Per adesso sì – commenta Lucia – ma non è detto, perché quando c’è la passione, poi nascono anche nuove conoscenze. E io spero di farmi sempre più strada nel mondo degli audiolibri”.

La strada non è un segreto, né fa paura, né ha mai fatto paura, a una persona che gira l’Italia con il suo primo lavoro e passa parecchie ore in auto. Far sempre nuove e interessanti fermate è il sogno: in questo caso con il lavoro di lettrice seriale.

Ti potrebbe interessare anche