l’editoriale
  • Genova e la Liguria vincono se credono nel progresso
    Nell’ultimo numero di 'Piazza Levante' avevamo sollevato il tema delle grandi opere e ci eravamo concentrati sulla situazione insostenibile della viabilità dei tratti urbani di Genova, e del loro collasso già perdurante da molti anni, con indicibili disagi quotidiani per gli utenti privati e commerciali ed in particolare per il vasto e silenzioso pubblico dei pendolari. Avevamo ricordato i colpevoli ritardi delle amministrazioni comunali genovesi e regionali liguri che negli ultimi 25 anni non erano riuscite ad individuare una soluzione alternativa all’ingorgo dei flussi di traffico diretti al capoluogo e al suo porto provenienti da nord, da est e da ovest, e che si erano lasciati condizionare e paralizzare dai comitati No gronda. Tali comitati negli ultimi anni avevano avuto il sostegno e la protezione del M5S, che aveva ospitato i loro messaggi sul sito del movimento, compreso quello, rivisto nelle ultime ore, che irrideva a chi denunciava i rischi della situazione fino al rischio ultimo del collasso delle infrastrutture esistenti.  Avevamo ricordato la posizione drastica del nuovo ministro delle infrastrutture Toninelli, che a proposito della Gronda aveva dichiarato che si trattava di un’opera inutile e da non farsi. Una settimana fa non potevamo ovviamente immaginare che pochi giorni dopo, alle 11.36 della vigilia di Ferragosto, una sezione lunga circa 200 metri del ponte Morandi, detto anche viadotto della Val Polcevera, avrebbe ceduto all’improvviso crollando al suolo con la tragica conseguenza di decine di morti e di dispersi. Si tratta di una tragedia immane, innanzitutto per le vite umane perdute e per il dolore che queste morti hanno generato ai familiari e ad una opinione pubblica attonita. Ma immane è anche l’impatto su Genova, che con il crollo del ponte Morandi perde uno dei suoi simboli di modernità e si chiede sgomenta cosa succederà ora. Le inchieste (della Magistratura, del Governo, della Società Autostrade) cercheranno di capire cosa è successo e individueranno, forse, specifiche responsabilità.  Ma ciò che si dovrà affrontare subito non è solo la denuncia o la ricerca di responsabilità, che da parte di molti esponenti del governo sono state brandite, anche nelle prime ore dalla tragedia, come clave di una mai finita campagna elettorale.leggi

IN PRIMO PIANO

Attualità, In primo piano

Ritardi, silenzi, occasioni perse, allarmi inascoltati: Ponte Morandi, cronaca di un crollo annunciato

Premessa doverosa: non è il momento delle polemiche. E non lo dev’essere, almeno per un bel po’. Ma dopo l’immane tragedia del crollo del Ponte Morandi, è naturale mettersi a rispolverare gli annali. Così si riscopre una storia d’inizio anni Novanta. Che comincia a Roma: premier Giulio Andreotti, ministro per le Infrastrutture Giovanni Prandini. Il governo stanzia consistenti finanziamenti per Genova: ci sono in ballo le Colombiane del 1992 e anche il raddoppio del Ponte Morandi, per alleggerire la viabilità su una struttura evidentemente molto ‘stressata’ già ai tempi. Costruito dall’ingegner Morandi secondo precise previsioni e aspettative di traffico negli anni Sessanta, tre decenni dopo il ponte si ritrovò con transiti quasi quintuplicati. Da lì, la necessità di pensare, progettare e realizzare un’alternativa. Il disegno venne fatto, e pure tutti gli studi preliminari. Il raddoppio del Ponte Morandi era possibile: “Non si trattava di una vera e propria Gronda, come quella che vorrebbero realizzare ora - ricorda un ex consigliere regionale di quel periodo - ma di un viadotto che comunque sarebbe stato molto utile per collegare la zona del centro città al ponente. Il ‘secondo ponte’ doveva essere costruito esattamente settecento metri più a nord rispetto a quello attuale e, una volta raggiunto il crinale, sarebbe stata costruita una galleria. Il raccordo tra vecchia e nuova viabilità era previsto nella zona di Pra’. Sarebbe stata un’opera importante, necessaria e, col senno di poi, assolutamente imprescindibile. Forse in questo modo il Ponte Morandi sarebbe stato ristrutturato anche potendolo chiudere, e non sarebbe crollato”. Ma quale intoppo avvenne? Che cosa ci fu a bloccare la costruzione del secondo viadotto?

AZIENDE IN VETRINA

DESIGN WEEK

START-UP IN PIAZZA

LA PIAZZA RICORDA

Sport

Basket, Sport

L’Aurora Basket brilla da più di cento anni

di DANILO SANGUINETI Quando l’etichetta corrisponde alla sostanza, quando azzecchi il nome di una società sportiva, hai fatto un passo verso il successo. Aurora è nome che suggerisce una miriade di sensazioni e neppure una negativa, la luce, lo splendore, l’inizio, silenzio e tranquillità, purezza e speranza. L’Aurora Basket Chiavari ha detto addio a molti sponsor, alcuni anche munifici e fecondi, per tenere fede a una storia che inizia agli albori del secolo passato, che procede con accettabile tranquillità e che non è detto non abbia altre impennate in un futuro non troppo lontano. La signora Giuliana Ferrentino, dirigente responsabile, custode dei libri aurorali, ha una calcolatrice sempre a porta di mano… “Al momento non possiamo fare molto più di...
Canottaggio, Sport

“Gianni Figari” di Santa: i puristi del sedile fisso

La Società Remiera Gianni Figari di Santa Margherita Ligure ha rifiutato la scelta più facile: tra carrello e sedile fisso, tra il canottaggio moderno e quello dei nostri padri, ha puntato sulla fatica che più fatica non si può. Non che i canottieri su uno scafo della classi olimpiche si possano permettere passeggiate tra le rose, tuttavia chiunque abbia provato la panca, anche solo per un paio di vogate, sa che cosa significhi maneggiare un remo senza potersi aiutare con la spinta delle gambe. Ci si sente subito come gli schiavi su una galea romana. E vai con lo stile 'Ben Hur-Spaccaschiena'. Il neopresidente della società sammargheritese, Massimo Roccatagliata, si sforza di essere ecumenico: “Remare è sempre un bello sforzo, con sedile fisso, con il carrello, in mare, nei bacini...
Calcio, Sport

La Lavagnese si avvicina al secolo di vita

di DANILO SANGUINETI Il traguardo si avvicina: un secolo di storia, cento anni di sport da festeggiare con giustificato orgoglio. Dopo la Virtus Entella, è la Lavagnese a preparare la torta con la scritta ‘100 di questi…anni’. Per soffiarci sopra bisognerà attendere il prossimo 20 giugno, data che è stata fissata, in mancanza di atti ufficiali, sulla base delle ricostruzioni a posteriori dei soci fondatori. La stagione dovrebbe essere particolare, la voglia di celebrare in maniera speciale la ricorrenza c’è, purtroppo mancano quasi completamente le condizioni per impostare un lavoro serio. Il presidente Stefano Compagnoni è sconcertato: “In diciassette anni di serie D ne ho visto capitare di cotte e di crude, siamo riusciti a uscirne sempre con onore, questa...
Segnalaci i problemi

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio (richiesto)

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003).
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa privacy*
Accetto

Spazio Scuole
Il Mio Comune